ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home / Temi Ambientali / Aria / Progetti / Progetto Bacino Padano
Home / Temi Ambientali / Aria / Progetti / Progetto Bacino Padano

Aria / Qualità dell'Aria

Progetto Bacino Padano

Orientare un’azione coordinata e sinergica tra le Regioni del Bacino Padano per massimizzare l’efficacia delle politiche di prevenzione e contenimento dell’inquinamento atmosferico.

loader

Le serie storiche evidenziano come nel corso degli ultimi decenni la qualità dell’aria sia costantemente migliorata nel caso dei principali inquinanti, mentre segnalano una situazione stazionaria di criticità per il particolato fine e l’ozono. La caratteristica comune di questi inquinanti è l’essere in buona parte, per quanto riguarda il PM10, o totalmente per quanto riguarda l’ozono, inquinanti di origine secondaria (cioè si formano in atmosferica a seguito di reazioni chimiche tra composti precursori NOx, SO2, COV direttamente emessi in atmosfera dalle sorgenti). Questo fa sì che l’inquinamento permanga in atmosfera per lunghi periodi e interessi un bacino aerologico ampio e ciò, ovviamente, rende più complessa l’attuazione di azioni efficaci alla riduzione delle concentrazioni di PM10 e di O3.

La configurazione geografica e le caratteristiche meteoclimatiche tipiche della pianura padana sono tali per cui quest’area è di fatto un unico bacino omogeneo nel quale il PM10 e l’ozono tendono a diffondersi in modo uniforme e, in condizioni di stabilità atmosferica, ad accumularsi. Per affrontare questo problema, le Regioni Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Valle d’Aosta e le Province Autonome di Trento e di Bolzano hanno sottoscritto un accordo a vari livelli, al quale ha successivamente aderito anche il Canton Ticino della Confederazione Elvetica, finalizzato oltre che alla condivisione delle metodologie e degli strumenti di valutazione della qualità dell’aria (inventari delle emissioni, modellistica e reti di monitoraggio) anche all’adozione di azioni comuni di riduzione delle emissioni di PM10 al fine di massimizzare l’efficacia delle politiche di prevenzione e contenimento dell’inquinamento atmosferico. Fatta salva l’autonomia di ciascuna Regione di intraprendere ulteriori provvedimenti, gli elementi e le azioni di natura tecnico-organizzativa sui quali il Tavolo interregionale si propone di orientare l’azione coordinata e sinergica delle Regioni sono i seguenti:

  1. definire ed adottare limitazioni progressive della circolazione dei veicoli più inquinanti, allo scopo di accelerare il rinnovo del parco circolante e di orientare il mercato nella direzione di tipologie di veicolo a minore impatto;
  2. promuovere ed agevolare l’installazione dei filtri antiparticolato, e di analoghi dispositivi per la riduzione delle emissioni, sui veicoli nuovi e su quelli già circolanti;
  3. definire ed adottare forme di regolamentazione per l’utilizzo dei combustibili, incluse le biomasse lignee per riscaldamento civile, per le quali si intende richiedere la diffusione di soluzioni tecnologiche migliorative;
  4. definire ed adottare “standards” emissivi comuni per le attività produttive e per le sorgenti civili, nell’ambito dell’autonomia concessa alle Regioni dalla normativa nazionale vigente
  5. approfondire le conoscenze sull'utilizzo delle tecniche di modellazione ai fini della previsione, valutazione e preparazione di piani e programmi di miglioramento della qualità dell’aria all'interno del territorio del bacino padano;
  6. condividere e migliorare l’inventario delle emissioni INEMAR, a supporto dell’elaborazione e della verifica dei piani e programmi regionali.

Per l’approfondimento degli aspetti tecnico-scientifici, il progetto coinvolge, oltre che le Regioni e le Province Autonome firmatarie, anche le Agenzie di Protezione Ambientale competenti per territorio.​


Ricerca Stazioni
La qualità dell'aria nel tuo Comune

Notizie Aria / Qualità dell'Aria

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube