ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Arpa per le imprese

RUMORE

Il rumore rappresenta una delle maggiori fonti di pressione di origine antropica sulla popolazione, in particolare nelle aree densamente urbanizzate. Le principali sorgenti di rumore negli ambienti di vita sono costituite dalle infrastrutture di trasporto (stradale, ferroviario e aeroportuale) e dalle attività produttive (industriali, artigianali, commerciali, pubblici esercizi). Il traffico veicolare è il principale responsabile del rumore di fondo nelle aree urbane, dove risiede la maggior parte della popolazione. Localmente possono però diventare rilevanti le emissioni sonore causate da singoli impianti o dalle attività dei pubblici esercizi, temporaneamente dai cantieri.

Mentre per le infrastrutture dei trasporti sono vigenti limiti specifici di immissione nelle rispettive fasce di pertinenza, per le attività produttive i limiti di rumore da rispettare sono stabiliti dalla classificazione acustica del territorio comunale. Presso i recettori (ovvero all’interno degli ambienti abitativi) le sorgenti di rumore delle attività produttive devono inoltre rispettare i valori limite differenziali di immissione.

Nelle aree urbane risulta di particolare rilevanza la rumorosità dovuta ai pubblici esercizi le cui attività, specialmente in periodo notturno, determinano la maggior parte delle segnalazioni e degli esposti.

ARPA esercita il ruolo di supporto tecnico di Comuni e Province nelle attività di vigilanza e controllo in materia di inquinamento acustico. Tale attività si concretizza in termini di prevenzione, con l’emissione di pareri sulle documentazioni per impatto e clima acustico, nell’ambito dei controlli, con l’effettuazione di misure di rumore in ambiente esterno e negli ambienti abitativi per la verifica, su richiesta del comune, del rispetto dei limiti di rumore, a seguito di esposti e lamentele.

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube