ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home / ARPA Imprese / R.I.R. / Pianificazione dell'emergenza

Arpa per le imprese

Pianificazione dell’emergenza

Per gli stabilimenti a Rischio di Incidente Rilevante - in base alle informazioni che sono state fornite dal gestore e alle conclusioni dell’attività istruttoria - è previsto che siano predisposti i Piani di Emergenza Esterni (PEE) per limitare gli effetti dannosi sull’uomo e l’ambiente in caso di incidente rilevante.

Il Piano deve essere aggiornato ogni tre anni tenendo conto dei cambiamenti avvenuti negli stabilimenti e nei servizi di emergenza, dei processi tecnici e delle nuove conoscenze in merito alle misure da adottare in caso d’incidente rilevante.

Chi predispone il PEE?

Il PEE viene predisposto dal Prefetto d’intesa con la Regione, gli enti locali interessati e previa consultazione della popolazione allo scopo di controllare e circoscrivere gli incidenti in modo da minimizzare gli effetti e limitare i danni per l’uomo, l’ambiente e per i beni, attivare le procedure necessarie in caso di incidenti rilevanti, in particolare mediante la cooperazione rafforzata negli interventi di soccorso con l’organizzazione di Protezione civile, informare la popolazione e provvedere al ripristino e al disinquinamento dell’ambiente dopo un incidente rilevante.

L’elaborazione del piano avviene anche attraverso la cooperazione delle istituzioni che devono intervenire, ciascuna per propria competenza, in caso di emergenza.

In particolare ARPA Lombardia valuta tutti i possibili effetti sull’ambiente e si occupa della sua protezione. La collaborazione tra le istituzioni è fondamentale per garantire la sicurezza nelle aziende lombarde a rischio di incidente rilevante, salvaguardare l’ambiente e la salute della popolazione.

Il Prefetto inoltre coordina l’attuazione del PEE e i lavori dei tavoli inter-istituzionali, mettendo in rete le competenze necessarie per arginare possibili casi di emergenza.


GLOSSARIO

  • Allarme esterno: ogni qualvolta si riscontra una situazione da cui può derivare un incidente rilevante e si ha il fondato timore che possa estendersi oltre i limiti dello stabilimento causando ulteriori gravi danni a cose o a persone.
  • Area di danno: aree generate dalle possibili tipologie incidentali tipiche dello stabilimento. Le aree di danno sono individuate sulla base di valori soglia oltre i quali si manifestano letalità lesioni o danni.
  • BLEVE (Boiling Liquid Expanding Vapour Explosion): è un fenomeno simile all’esplosione causata dall’espansione rapida dei vapori infiammabili prodotti da una sostanza gassosa conservata, sotto pressione, allo stato liquido. Da tale evento possono derivare sia effetti di sovrappressione che di irraggiamento termico dannosi per le persone e le strutture (fire ball).
LEGGI TUTTO
Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube