ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Bonifiche e siti contaminati

SIN DI SESTO SAN GIOVANNI – LA STORIA

L’attività siderurgica nelle aree Falck ebbe inizio nel 1906, su un'area precedentemente ad uso agricolo ed in parte boscata; negli stabilimenti di Sesto San Giovanni si svolgevano i cicli produttivi tipici dell'industria siderurgica per la produzione di acciaio da rottame e di ghisa solida tramite fusione.

Il primo insediamento produttivo venne realizzato nello stabilimento Unione; negli anni 1917-33 vennero costruiti gli stabilimenti Concordia, per la produzione di lamiere e tubi saldati, Vittoria A, per la produzione del filo d'acciaio, Vittoria B, specializzato nella trafilatura a freddo, Vulcano, per la produzione di ghisa e leghe di ferro, oltre agli impianti di trattamento delle acque nell'area TRAI; la crisi mondiale della siderurgia nel ‘71 e del petrolio nel ‘74 crearono serie difficoltà alle Falck, determinando la chiusura dello stabilimento Vulcano nel ’79. Da allora la progressiva crisi industriale vide il declino di questo importante polo industriale, finché nel 1995 i forni delle acciaierie Falck si spensero definitivamente.

attività svolte presso le ex-Falck (fonte: Bigazzi, 1992 - http://www.sestosg.net).  

attività svolte presso le ex-Falck (fonte: Bigazzi, 1992 - http://www.sestosg.net).

Nel 1996 tutti gli impianti siderurgici di Sesto San Giovanni vengono smantellati e hanno inizio i primi processi di riqualificazione e riprogettazione delle aree produttive dismesse.

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube