ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home / Dati e Indicatori / Radioattività nelle ricadute atmosferiche
Home / Dati e Indicatori / Radioattività nelle ricadute atmosferiche

Radioattività nelle ricadute atmosferiche

TEMA AMBIENTALE

Radiazioni ionizzanti (IR)

 

Radiazioni ionizzanti (IR)

AGGIORNAMENTO

2015

DEFINIZIONE

concentrazione di attività di radionuclidi artificiali nelle ricadute amosferiche (pioggia e deposizioni secche al suolo - o fallout). Si misura mensilmente la concentrazione di cesio 137 e altri emettitori gamma. Semestralmente vengono misurati anche lo stronzio 90 e gli isotopi del plutonio. La misura delle ricadute umide e secche è un utile e sensibile indicatore per l'individuazione di contaminazioni dell'aria a seguito di emissioni di sostanze radioattive.

UNITA' DI MISURA

Bq/m2

DEFINIZIONE DPSIR

STATO

FONTE

ARPA Lombardia

SCOPO INDICATORE E SUA RILEVANZA

quantificare la concentrazione di isotopi radioattivi nelle ricadute atmosferiche umide e secche per evidenziare possibili contaminazioni dell'aria.

ANALISI DEL DATO

le concentrazioni di Cesio 137, di Stronzio 90 e di isotopi del Plutonio sono quasi sempre misurabili anche se molto basse e non rilevanti da un punto di vista sanitario e radioprotezionistico e sono dovute alla presenza ormai ubiquitaria dei radionuclidi artificiali immessi in ambiente a seguito dei test nucleari degli anni '60 e dell'incidente di Chernobyl del 1986. In figura 1 è possibile osservare le concentrazioni mensili di Cesio 137 relative all'anno 2015, misurate nelle ricadure atmosferiche (fallout) presso la stazione di rilevamento di Milano (sono presenti ulteriori punti di campionamento nei comuni di Bergamo e Sondrio): il grafico mette in rilievo la variabilità stagionale riscontrata. In figura 2 è riportata la serie storica delle concentrazioni di Cesio 137, sempre riferita alle ricadute campionate presso la stazione di Milano. Viene evidenziato come i livelli di Cesio 137 presenti in atmosfera nel periodo immediatamente successivo all'incidente di Chernobyl si siano progressivamente ridotti per stabilizzarsi attorno a valori costanti e prossimi ai limiti di rivelazione. L'andamento del 2015 fino al giugno 2016 ricalca quello dell'anno precedente, non mettendo in evidenza anomalie dovute ad emissioni recenti.

Concentrazione di cesio 137 nelle ricadute atmosferiche presso la stazione di Milano - 2015

Fonte: ARPA Lombardia
Copertura: Regione

Potrebbe anche interessarti

 

​​​​​​​​​​

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube