ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Siti contaminati

TEMA AMBIENTALE

Suolo

 

Siti contaminati

AGGIORNAMENTO

2018

DEFINIZIONE

L’indicatore rappresenta il numero di siti che sono classificati come “contaminati” secondo i criteri previsti dalla normativa relativa alla bonifica dei siti contaminati (D.Lgs. 152/2006 o previgente D.M. 471/1999) e sui quali è stato conseguentemente avviato un procedimento di bonifica.

UNITA' DI MISURA

numero

DEFINIZIONE DPSIR

STATO

FONTE

Anagrafe Regionale Siti Contaminati

SCOPO INDICATORE E SUA RILEVANZA

L’indicatore rappresenta numericamente i siti ubicati in Lombardia che presentano uno stato di accertata contaminazione, di una o di entrambe le matrici ambientali, sui quali è stato di conseguenza avviato un iter di bonifica secondo modalità e tempistiche previste dalla normativa. Si evidenzia che nel conteggio complessivo rientrano anche alcuni siti classificati come contaminati secondo i criteri stabiliti dallla previgente normativa (D.M. 471/99) ma per lo più si tratta di siti contaminati ai sensi del più recente D.Lgs. 152/2006.

ANALISI DEL DATO

I dati riportati per questo indicatore derivano dall’ Anagrafe Regionale dei siti contaminati, la cui predisposizione è un adempimento previsto dall'art. 251 del D.lgs. 152/06. La Regione pubblica annualmente sul proprio sito web istituzionale l'elenco aggiornato dei siti contaminati, che rappresenta una fotografia dello stato dell'arte sul territorio lombardo. L'attuale aggiornamento disponibile è relativo al 31/7/2018 e riguarda i siti contaminati sui quali sonon necessarie attività bonifica e/o messa in sicurezza ai sensi del D. Lgs. 152/2006. Si evidenzia inoltre che in tale conteggio non rientrano i precedimenti afferenti ai SIN (siti di interesse nazionale). Come si può osservare la distribuzione dei siti contaminati riguarda tutto il territorio lombardo (838 siti contaminati complessivi ) e mostra una netta prevalenza nell'area milanese (388 siti). Il trend che si osserva nel corso degli anni si mantiene sostanzialmente costante nelle diverse provincie e anche il numero complessivo dei dei siti contaminati non mostra un'apprezzabile variabilità nel corso degli anni. Questo presumibilmente è dovuto al fatto che i procedimenti di bonifica richiedono in molti casi diverso tempo per concludersi e, pertanto, un sito può permanere a lungo nello stato "contaminato". Inoltre, a fronte di procedimenti che si concludono nel corso dell'anno, ne vengono avviati altri nuovi, col risultato che il numero complessivo dei siti si mantiene sostanzialmente stabile nel tempo.

Numero di siti, suddivisi per provincia, sui quali è stato accertato uno stato di contaminazione delle matrici ambientali - 31/7/2018

Fonte: Anagrafe Regionale dei Siti Contaminati
Copertura: Regione

Potrebbe anche interessarti

 

​​​​​​​​​​

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube