ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Afflusso annuo

TEMA AMBIENTALE

Idrometeorologia

 

Ciclo idrologico

AGGIORNAMENTO

2016

DEFINIZIONE

si calcola a partire dai valori delle precipitazioni misurate ai pluviometri riferiti alle rispettive aree d’influenza (topoieti). In questo modo si ottiene il volume di precipitazione sulle singole aree, la cui somma costituisce il volume totale precipitato sulla regione. Si rappresenta come valore mensile cumulato da gennaio a dicembre. il valore di dicembre rappresenta il volume precipitato nell’anno.

UNITA' DI MISURA

Mm3 (Milioni di metricubi)

DEFINIZIONE DPSIR

STATO

FONTE

dati di monitoraggio pluviometrici rilevati dalla rete di ARPA, dati cartografici

SCOPO INDICATORE E SUA RILEVANZA

il volume idrico totale precipitato rappresenta l’abbondanza della risorsa idrica a disposizione della regione per effetto delle precipitazioni (pioggia e neve). Tale apporto è la componente da cui convenzionalmente si considera la partenza del ciclo idrologico, dalla quale derivano tutte le altre componenti in cascata.

ANALISI DEL DATO

Il 2016 si attesta come un anno con precipitazioni in linea o poco inferiori rispetto al periodo 2008-2015, con 33.357 Mmc precipitati rispetto ad una media di circa 36.000Mmc. Di Particolare interesse è la distribuzione mensile delle precipitazioni con febbraio, maggio e giugno particolarmente piovosi, un autunno generalmente asciutto ed un mese di dicembre caratterizzato dalla quasi totale assenza di precipitazioni.

Andamento dei volumi di precipitazione ad aggregazione mensile sul territorio regionale 2008 - 2016

Fonte: Regione
Copertura: ARPA Lombardia

Potrebbe anche interessarti

 

​​​​​​​​​​

twitter youtube