ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

RAPPORTO STATO AMBIENTE

Rischi naturali

Periodo di riferimento: 2017

 

NEVE

STAGIONE INVERNALE 2016-2017

Inverno eccezionalmente corto alle quote medie-basse, innevamento al di sotto delle medie trentennali e temperature spesso mitigate.

Sui rilievi montani della Lombardia la stagione invernale 2016-2017 è stata caratterizzata da:

  • prime avvisaglie dell’inverno tra la fine di settembre e inizio ottobre 2016;
  • tre piccoli eventi perturbati in novembre 2016;
  • un prolungato periodo di stabilità meteorologica con scarsità o assenza di copertura nevosa fino ai primi di gennaio 2017;
  • solamente tra febbraio e marzo si entra appieno nella stagione invernale.

Nelle stazioni nivometeorologiche poste al di sotto dei 2000 metri di quota si registra un ridotto numero di giornate di permanenza della neve al suolo, peraltro con scarsi accumuli e rapida fusione finale. L’attività valanghiva spontanea più importante, con distacco di valanghe grandi e localmente molto grandi, si è verificata in seguito alle abbondanti precipitazioni nevose avvenute tra il 27-29 aprile (vedi foto): nel Bollettino Neve e Valanghe viene espresso (unica volta nella stagione) grado di Pericolo 4 FORTE su tutti i settori.

La stima delle riserve idriche presenti sui bacini montani della Lombardia, desunta a fine stagione dai rilievi di Snow Water Equivalent (SWE) sui principali ghiacciai che alimentano i fiumi lombardi, evidenzia un elevato deficit generale, più marcato sul settore Nord-orientale, con punte oltre il -60% rispetto alla media dell’ultimo decennio.

Leggi tutto
Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube