ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Rifiuti

​​​GESTIONE RIFIUTI

Il sistema della gestione dei rifiuti da anni si è radicalmente modificato nell’ottica della sostenibilità; le strategie normative a livello europeo non solo rafforzano la responsabilità del produttore e del detentore dei rifiuti, sia urbani (cioè quelli "domestici" o simili: il verde da sfalci e potature, ecc.) che speciali (cioè tutti gli altri: industriali, artigianali, da costruzione e demolizione, ecc.), ma prevedono anche la sistematizzazione di una gerarchia di strategie e azioni, elencate di seguito:

  • prevenzione della produzione dei rifiuti: per evitare che beni e materiali diventino "anzitempo" rifiuti. Solo per citare un esempio molto attuale, si pensi alla brevissima vita media di computer e telefonini, con conseguente produzione dei cosiddetti rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche - RAEE – che, pur non essendo quantitativamente rilevanti, anche se in forte aumento, contengono sostanze pericolose per l'ambiente, quali ad esempio i metalli. In quest'ambito rientrano tutte quelle azioni volte a promuovere il riutilizzo dei beni e prodotti usati, anche attraverso i sempre più diffusi mercatini dell'usato, o i cosiddetti "centri del riuso" contemplati anche dalla normativa;
  • riduzione dei quantitativi e della pericolosità dei rifiuti: per produrre comunque meno rifiuti e riducendo il contenuto di sostanze pericolose. Tramite la progettazione di beni, prodotti e materiali, o della distribuzione degli stessi, è possibile contribuire significativamente a questo obiettivo: gli esempi più diffusi sono quelli legati agli imballaggi, con la progettazione di confezioni che contemporaneamente servano ad esempio per il trasporto e per l'esposizione, o con l'eliminazione del cosiddetto "overpackaging" (cioè l'imballaggio inutile, come ad esempio la scatola di cartone che contiene il tubetto di maionese o quello del dentifricio);
  • preparazione per il riutilizzo: entrando nell'ambito specifico della gestione e trattamento dei rifiuti, si intendono quelle che per la normativa sono "operazioni di recupero" ma in questo caso limitate a interventi di pulizia, sistemazione e riparazione, in modo che "prodotti e beni diventati rifiuti" possano facilmente essere reimmessi sul mercato per essere nuovamente riutilizzati. Essendo stata introdotta abbastanza recente, attualmente non risulta ancora diffusa nella filiera della gestione dei rifiuti.
  • recupero di materia: i rifiuti raccolti devono essere prioritariamente inviati ad impianti di recupero di materia, per favorire il riciclaggio di alta qualità, in modo da poter produrre "materie prime secondarie" (oggi si utilizza il temine meno amichevole di "end of waste" o "cessazione della qualifica di rifiuto") da utilizzarsi in sostituzione delle materie prime vergini. Uno dei motori essenziali che rende possibile il recupero di materia è rappresentato dalla raccolta differenziata dei rifiuti urbani che deve essere organizzata in ogni comune e che ogni cittadino deve impegnarsi ad effettuare.
  • recupero di energia: se non recuperabili come materia, i rifiuti devono, se possibile, essere inviati ad altre forme di recupero, fra cui la più nota è il recupero energetico, per la produzione sia di energia elettrica che termica;
  • smaltimento: per i rifiuti per cui non sia tecnicamente ed economicamente possibile una forma di riutilizzo o recupero, rimane lo smaltimento, tra cui quello in discarica che deve rappresentare l'ultima opzione possibile.

Il documento strategico di riferimento in Regione Lombardia è il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (P.R.G.R.). approvato dalla DGR  20 giugno 2014, n. 1990.

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

 

Regionali

  • Legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 (crf artt. 18 e 23)
  • Legge regionale 12 luglio 2007, n. 12 (crf art. 9)
  • Decreto Direttore Generale 11 novembre 2008, n. 12868
  • Decreto Dirigente di Struttura 23 febbraio 2009, n. 1696
  • Legge regionale 29 giugno 2009, n. 10 (Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2003, n.26)
  • Delibera Giunta Regionale 25 Novembre 2009 n.10619 (di fatto sostituita dalla DGR 2513/2011)
  • Delibera Giunta Regionale 16 Novembre 2011 n. 2513 (di fatto sostituita dal DDS 2578/2013)
  • Decreto del Dirigente di Struttura 19 marzo 2013 n. 2578

Specifiche sui PCB:

  • DLGS 22 maggio 1999 n. 209
  • DM 11 ottobre 2001​
  • Legge 18 aprile 2005 n. 62, art. 18
  • DLGS 11 maggio 2005 n. 133, art. 21, co.10
​​
Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube