ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home  /  Notizie  / RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI, S...

RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI, SUL SITO DI ARPA LOMBARDIA APPROFONDIMENTI SUL RECENTE D. LSG 28/2016

Negli scorsi giorni, sul sito di ARPA Lombardia è stato pubblicato un approfondimento sulla radioattività nelle acque potabili per fornire informazioni sulla tematica, sulle attività e le campagne di misura svolte dall’Agenzia e sulla normativa vigente, con particolare riferimento al recente D.Lgs 28/2016, recepimento della Direttiva Europea 2013/51/EURATOM, che stabilisce i livelli accettabili di esposizione. Sono anche riportati i valori di radioattività misurati in molti comuni lombardi nel corso degli ultimi anni.

In natura, nell’acqua potabile - come del resto nell’aria, nel terreno, negli alimenti ecc. - sono presenti elementi radioattivi in quantità solitamente non dannose per la salute. Di conseguenza, l’assunzione di radionuclidi da parte dell’uomo fa parte della normale esposizione alla radioattività naturale, che è stata calcolata essere mediamente 2,4 mSv/a (milli Sievert all’anno).
Tuttavia, in alcuni casi, come ad esempio nelle aree particolarmente ricche di radon, la presenza di radioattività naturale può essere significativamente più alta della media, creando la possibilità di rischi sanitari al pari di quella artificiale.
Perciò, indipendentemente dall’origine naturale o artificiale della radioattività, la legislazione di radioprotezione indica i livelli di riferimento al di sotto dei quali non sono ipotizzabili rischi per la salute.

In Italia questi parametri sono normati dal D. Lgs. 28/2016 e il controllo della radioattività nelle acque potabili è demandato alle Regioni, che si avvalgono delle Agenzie Ambientali, quale organo tecnico a supporto, e delle A.T.S. (Agenzie di Tutela della Salute, ex A.S.L.).
Nella nostra regione, le misure di radioattività vengono effettuate già da diversi anni dal Centro Regionale di Radioprotezione (CRR) di ARPA Lombardia, nei laboratori del di Milano e Bergamo.
Dalle campagne effettuate finora non sono mai emerse situazioni critiche. Attualmente è in corso un’indagine più estesa secondo le indicazioni della normativa vigente.

Categoria: Aggiornamenti Tema ambientale: Nessuno


Notizie consigliate


Notizie piu lette

twitter youtube