ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home  /  Notizie  / Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile

– “Lo sviluppo sostenibile, in Lombardia, è una forma di progresso misurabile. Una concezione ambientale “moderna”, conciliabile con le esigenze economico-industriali del territorio, sta oggi prendendo piede. E in questo contesto si inserisce il lavoro dell’Arpa della Lombardia, ente strumentale alla Regione, sulla base dei cui dati si impostano le politiche più innovative”. Così il presidente dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Lombardia ha aperto oggi la seconda giornata di convegni sull’inquinamento urbano e lo sviluppo eco-compatibile, organizzati dall’Agenzia in collaborazione con la Regione Lombardia nel contesto di “Progetto Città”, mostra dell’architettura, dell’urbanistica, delle tecnologie e dei servizi, in programma alla Fiera di Milano fino a sabato 22. Con lui, a fare il punto sulla qualità dell’ambiente lombardo, l’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente, Franco Nicoli Cristiani, l’assessore alle Pubblic Utilities, Maurizio Barnardo, il direttore generale del Ministero dell’Ambiente, Corrado Clini, seguiti dal consigliere scientifico del Centro Comunitario di Ricerca, Jean Marie Martin, e dal Presidente di Alter, Stuart Holland, chiamato a parlare del programma comunitario per la mobilità nei centri urbani. “Gli interventi in materia di sviluppo sostenibile nella nostra regione, così come in Italia, non possono prescindere dall’evoluzione della struttura economica del territorio – ha esordito Nicoli Cristiani – Per questo gli amministratoti sono chiamati ad intraprendere azioni che tengano conto di diversi fattori, come l’utilizzo di nuovi propulsori e l’affermarsi di nuove tecnologie a ridotto impatto. Fra gli strumenti ad oggi più efficaci,valorizzati in Lombardia, senz’altro i processi di Agenda 21, che ha permesso a Comuni e Province di sedersi ad uno stesso tavolo per fare il punto sull’utilizzo del territorio e sulle azioni da intraprendere per risolvere i problemi locali, per la prima volta concepiti in modo collegiale”. Attualmente sono stati avviati circa 200 progetti, che permetteranno alla Regione di accedere ai finanziamenti comunitari previsti per il 2005. Molto è stato fatto in Lombardia nella tutela dell’ecosistema regionale: incentivi per lo sviluppo e la diffusione di motori eco-compatibili, finanziamenti per l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, tetti fotovoltaici, combustibili a ridotto impatto ambientale. Lo ha ricordato l’assessore alle Risorse Idriche e ai Servizi di Pubblica Utilità, Maurizio Bernardo, che nell’occasione ha rinnovato l’impegno della Giunta nella promozione di nuova “cultura”, più attenta alle esigenze di un ambiente inevitabilmente influenzato dalla crescente pressione antropica. “In questa direzione, nell’anno internazionale delle acque – ha concluso Bernardo – supporteremo iniziative di formazione e sensibilizzazione del cittadino, che partono dalle scuole”. Promuovere l’utilizzo di combustibili ecologici, la strada per vincere la sfida dell’inquinamento urbano che incontra un limite in un mercato automobilistico non ancora integrato con la pianificazione politica. “Lo sviluppo sostenibile – ha ricordato Clini – non può esistere senza la volontà eco-evolutiva delle multinazionali, sicuramente supportata da finanziamenti pubblici”.

Categoria: Aggiornamenti Tema ambientale: Nessuno


Notizie consigliate


Notizie piu lette

twitter youtube