ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home  /  Notizie  / Ambiente, Ungheria

Ambiente, Ungheria

L'Ungheria sarà uno dei primi paesi dell'Est Europa ad aderire all'Unione Europea e corre di gran lena a trovare soluzioni che anche in campo ambientale la avvicinino ai requisiti comunitari. Dodici miliardi di euro da spendere nel prossimo ventennio per tutelare l'ambiente in ogni sua espressione, un sistema di fognature a livello nazionale da rivedere quasi completamente, 2700 discariche da recuperare ed in parte da chiudere e ricostruire, il 95 per cento delle acque che attraversa il territorio senza essere utIlizzato, enti locali che si avvicinano solo ora al privato per risolvere le problematiche legate ai rifiuti. Questa, per sommi capi la situazione in Ungheria, emersa nel corso dell'incontro tra l'assessore regionale alla Qualità dell'Ambiente, Franco Nicoli Cristiani, e il sottosegretario di Stato del Ministero all'Ambiente ungherese, Zoltan Kis. Il modello lombardo con 4 mila tonnellate al giorno di rifiuti urbani conferiti ai termodistruttori, pari al 50 per cento della produzione giornaliera di 8000 tonnellate, il 30 per cento dei rifiuti rimanenti assemblati dalle raccolte differenziate e solo il rimanente 20 per cento avviato in discarica è guardato con attenzione dal Governo ungherese che intrattiene anche rapporti con l'Agenzia Regionale di Protezione dell'Ambiente della Lombardia. L'assessore Nicoli Cristiani ha voluto dimostrare la più completa disponibilità della Regione Lombardia a collaborare con il Governo ungherese anche attraverso gli incontri che saranno organizzati, con il contributo dell'Arpa, a Budapest Delegazione ungherese.

Categoria: Aggiornamenti Tema ambientale: Nessuno


Notizie consigliate


Notizie piu lette

twitter youtube