ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home  /  Notizie  / LOTTA ALLO SPRECO ALIMENTARE: IN LOMB...

LOTTA ALLO SPRECO ALIMENTARE: IN LOMBARDIA 800 TONNELLATE/ANNO DI ALIMENTI SALVATI E DESTINATI A INTERVENTI SOCIALI

Milano, 15 aprile 2015 - Si è svolto oggi a Milano, all’Auditorium Gaber di Palazzo Pirelli, l’incontro “L’ABC contro lo spreco alimentare. Il sistema educativo – formativo in Lombardia per la lotta allo spreco alimentare”, organizzato da Regione Lombardia, DG Ambiente, Energia ed Educazione sostenibile, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia.

L’obiettivo dell’iniziativa, a cui hanno partecipato i docenti delle scuole di ogni ordine e grado, degli ITS, degli IeFP e una rappresentanza di studenti, in un’ottica di orientamento professionale, è stato quello di favorire l’avvio di un progetto più ampio dando al sistema formativo lombardo l’occasione per riflettere sui temi di Expo e per avviare, attraverso ulteriori incontri nel prossimo autunno, l’elaborazione di modelli sperimentati condivisi da tutta la comunità scolastica.

La giornata è stata suddivisa in 4 sessioni di approfondimento: il ruolo delle istituzioni nella lotta allo spreco alimentare; l’impegno di regione Lombardia e degli Enti del Sistema; le esperienze educative sul territorio lombardo e la testimonianza degli operatori di filiera.

Tra gli interventi, anche quello di ARPA Lombardia che, con la relazione dal titolo “La dimensione del fenomeno dello spreco”, ha presentato i dati relativi alla gestione del rifiuto organico, che in Lombardia rappresenta circa il 12% dei rifiuti urbani prodotti, pari a una produzione pro capite di circa 60 kg/anno, e il 22% della raccolta differenziata.

Proprio quest’ultima nella nostra regione è in progressivo aumento. Ad esempio a Milano, dove è stata reintrodotta per le utenze domestiche nel 2012, si è passati in tre anni da circa 40.000 t/a (32 kg/a pro capite) a 120.000 t/a ( 90 kg/a pro capite).

Un risultato positivo, e comunque ulteriormente migliorabile anche attraverso l’educazione ambientale, a cui si aggiunge l’aspetto altrettanto virtuoso rappresentato dalle 800 t/a di alimenti che, invece, non diventano scarto perché destinati per tempo alla distribuzione a scopi sociali.

AM

Categoria: Aggiornamenti Tema ambientale: Nessuno


Notizie consigliate


Notizie piu lette

twitter youtube