Risultati del questionario online sul nuovo Rapporto sullo Stato dell'Ambiente

Con la nuova edizione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente è stato proposto un questionario online che aveva lo scopo di conoscere le principali tipologie di utenti e di raccogliere il loro parere su alcuni aspetti del Rapporto anche sotto forma di commento libero. Di seguito, viene presentata l'analisi dei dati raccolti.

1.       Tipologia di utenti

I dati sono stati raccolti in sette mesi, dalla data di pubblicazione online del nuovo Rapporto (29/05/2014) fino a dicembre 2014. Hanno risposto al questionario una sessantina di utenti: un numero non elevatissimo (la compilazione era su base volontaria), ma che ha tuttavia permesso di avere un'idea della tipologia di pubblico e del gradimento nei confronti del Rapporto stesso.

La distribuzione della tipologia degli utenti è molto varia (Figura 1): i cittadini comuni rappresentano il 47% degli utenti, seguiti dagli utilizzatori tecnici (i professionisti e gli studi di consulenza con il 25%). Poca rappresentanza invece della categoria di studenti (2%) e nulla per i media (organi di informazione).

Figura1.jpg

Figura 1 Tipologia e percentuale di utenti

La finalità della consultazione è uniformemente distribuita tra le diverse attività, ma principalmente l'utilizzo è per informazione personale (Tabella 1).

Tabella1.jpg

Tabella 2 Distribuzione della finalità della consultazione

2.       Sezioni consultate e giudizio complessivo

Il Rapporto è costituito da tre parti principali: una parte di "testo descrittivo" del tematismo ambientale in cui sono dettagliate la normativa di riferimento, l'attività di ARPA e l'analisi dell'anno; una seconda parte in cui si possono consultare gli "indicatori ambientali" (schede indicatori) relativi a quel tematismo ed infine la terza parte sui "dati" (file dati) dalla quale scaricare direttamente i file di dati in formato Microsoft Excel o trovare link per accedere a banche dati interrogabili direttamente.

Dall'analisi delle risposte del questionario riguardanti le sezioni consultate si evince che tutte e tre le parti del Rapporto sono state consultate (Tabella 2); più interesse è stato mostrato per il rapporto nel suo complesso (24%), le schede indicatori ed i file dati sono stati consultati in egual misura (16-18%).

Tabella2.jpg 

Tabella 2 Distribuzione delle sezioni consultate

Le risposte riguardanti il giudizio sui contenuti del Rapporto (Figura 2) esprimono nel complesso un parere positivo, con il 50 % dei giudizi "buono" e "ottimo". Il 31% dei giudizi è "sufficiente" ed il 22% delle risposte indica un parere negativo.

Figura2.png

Figura 2Percentuale del giudizio complessivo del Rapporto


3. Confronto con il precedente formato e la navigabilità del sito web

Il 28% degli utenti aveva già consultato il Rapporto negli anni precedenti, quando era nella versione testuale non navigabile; di questi circa il 70% ritiene la nuova versione migliore rispetto a quelle precedenti.

Figura3.png

Figura 3 Giudizio sui cambiamenti nel formato di pubblicazione

Infine è stato chiesto agli utenti di valutare la navigabilità del sito e la facilità di reperire le informazioni (Tabella 3): per il 50% degli utenti la navigabilità del sito è buona e ottima, tuttavia sarà necessario migliorare il reperimento delle informazioni (sufficiente per il 43% degli utenti).

Tabella3.jpg 

Tabella 3 Giudizi sulla navigabilità del sito e la facilità di reperimento delle informazioni

​​​

​​

​​​​​​​​​​