Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

AUA

Accesso
AUA - Autorizzazione Unica Ambientale
salta i social network collegati e vai al menu generale
Il DPR n.59 del 13 marzo 2013 (pubblicato in S.O. n.42 in G.U. del 29/05/2013 n.124) introduce l’AUA (Autorizzazione Unica Ambientale) in vigore dal 13/06/2013 in attuazione all’art. 23 della legge 4 aprile 2012, n.35 (conversione del decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5), recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo.
 
L’AUA nasce nell’ottica di semplificare i procedimenti amministrativi con l’allungamento della durata delle autorizzazioni sostituite. L’AUA infatti ha durata 15 anni.
 
Va a modificare l’iter procedurale ma non va a "toccare" i riferimenti legislativi (rimane sempre il D.Lgs. 152/06 e s.m.i. e la restante normativa statale regionale) e il ruolo dell’Autorità Competente che resta sempre la Provincia.
 
I procedimenti avviati prima del 13/06/2013 vengono conclusi ai sensi delle norme vigenti pre-AUA.

La Regione Lombardia con propria DGR 1840 del 16 maggio 2014​ ha dato indirizzi in merito all'applicazione dell'AUA specificando che Regione provvederà alla definizione di un modello unico per la presentazione delle istanze e darà specifiche tecniche di interoperabilità tra i sistemi informativi degli enti coinvolti.
 
 
​Ambito di applicazione
 
L’AUA si applica alle categorie di imprese di cui all'articolo 2 del Decreto del Ministro delle Attività Produttive 18 aprile 2005:
  • microimprese;
  •  
  • piccole imprese;
  •  
  • medie imprese
  •  
  • ​nonché agli impianti non soggetti ad A.I.A.
Non si applica ad imprese soggette a processi autorizzativi gestiti in modo "integrato" quali ad esempio: progetti sottoposti a V.I.A. (art. 26, comma 4, D.Lgs. 152/2006), impianti alimentati con fonti rinnovabili (art. 12 D.Lgs. 387/2003), impianto di trattamento rifiuti (art. 208 D.Lgs. 152/2006).
  
 
Che cosa fa ARPA
  • Nell’ambito delle istruttorie
    ARPA può essere invitata in Conferenza dei Servizi (C.d.S.) su richiesta dell’Autorità Competente (Provincia) per esprimere pareri tecnici sugli aspetti relativi al monitoraggio di scarichi idrici contenenti sostanze pericolose in fognatura e alla analisi della valutazione previsionale di impatto acustico.

  • Nell’ambito dei controlli
    ARPA effettua i controlli sulle Aziende AUA secondo quanto previsto dalla normativa di settore.
 
Il portale "impresainungiorno"

Gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico, registro imprese, Presidenza del Consiglio dei Ministri come DigitPA e Dipartimento Politiche Europee, questo portale​:
  • fornisce servizi informativi e operativi ai SUAP;

  • assicura la divulgazione delle tipologie di autorizzazione secondo criteri omogenei sul territorio nazionale e tenendo conto delle diverse discipline regionali;

  • contiene un sistema di pagamento per i diritti;

  • costituisce punto di contatto a livello nazionale per le attività e assicura il collegamento con le autorità competenti;

  • inter opera con i sistemi informativi e i portali già realizzati da Regioni o enti locali e con quelli successivamente sviluppati a supporto degli sportelli unici.
 
Contiene sezioni dedicate a:
  • controlli sulle imprese eseguiti dalla PA

  • modulistica standard a livello regionale (in corso di definizione) ai sensi dell’art. 12 comma 3;

  • strumenti messi a disposizione dei soggetti interessati (questi si possono avvalere di quanto predisposto dai SUAP già operativi art. 12 comma 4);

  • normative di riferimento;

  • attività di ricerca del SUAP competente per territorio con nominativi, recapiti, indirizzo di PEC​, e link utili per l’invio delle pratiche (per alcuni comuni/SUAP già attivi)