Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

Neve e Valanghe

Accesso
sei in: ARPA Lombardia > Meteo Lombardia > Previsioni Meteo > Neve e Valanghe
Bollettino neve e valanghe
salta i social network collegati e vai al menu generale
Il bollettino, emesso quotidianamente domenica esclusa, è elaborato dal Centro Nivometeorologico di ARPA Lombardia nella sede di Bormio (SO).

» Vuoi ricevere via eMail il Bollettino Neve e Valanghe? Manda una mail a: nivometeo@arpalombardia.it​​
 
 
 

giovedì 22.02

venerdì 23.02

sabato 24.02

Tendenza
CIELO COPERTO CON DEBOLI NEVICATE FINO IN PIANURA. PERICOLO VALANGHE IN CONTENUTO AUMENTO SU OROBIE E PREALPI.
 
SITUAZIONE
RETICHE E ADAMELLO
PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO
PROBLEMA PRINCIPALE
:  strati deboli nella neve vecchia.
Valanghe provocate: in generale possibili distacchi di medie dimensioni solo con forte sovraccarico su alcuni pendii ripidi. Possibile il distacco  di limitati lastroni soffici, superficiali e  , con debole sovraccarico.
Valanghe spontanee:  distacco poco probabile, non si esclude qualche scaricamento o piccolo lastrone.

OROBIE E PREALPI
PERICOLO VALANGHE: 1 DEBOLE in aumento
PROBLEMA PRINCIPALE: neve ventata.
Valanghe provocate: su pochi pendii ripidi estremi possibile il distacco di isolati lastroni di neve vecchia, solo con forte sovraccarico. Possibile il distacco  di limitati lastroni soffici, superficiali e recenti, con debole sovraccarico.
Valanghe spontanee: possibili limitati scaricamenti dai pendii più ripidi.

APPROFONDIMENTI METEO e NEVE: cielo  coperto con deboli precipitazioni, prevalentemente sulla fascia orientale, Orobie e Prealpi; neve fino a bassa quota (3-6 cm).  Intensificazione dei venti su Orobie e Prealpi nel pomeriggio. L'andamento termico mantiene inalterate le caratteristiche del manto nevoso. Esso si presenta irregolarmente distribuito, con uno strato superficiale recente, che maschera dorsali erose, e accumuli maggiori in corrispondenza di conche e avvallamenti. Le situazioni critiche restano isolate e rappresentate dalla presenza di vecchi strati deboli per lo più nei versanti all'ombra in quota. Forte vento e deboli nevicate determinano la formazione di fragili accumuli localizzati sulla fascia centro orientale delle Prealpi e Adamello.





 
LUOGHI PERICOLOSI PROBLEMA PRINCIPALE
LUOGHI PERICOLOSI LUOGHI PERICOLOSI PROBLEMA PRINCIPALE
oltre 2000 m
 
VENTO A 3000M ZERO TERMICO TEMPERATURE
VENTO ZERO TERMICO TEMPERATURE
30-70 Km/h da Est 400-600 m in diminuzione
 
Molto Forte 5 Molto Forte Forte 4 Forte Marcato 3 Marcato Moderato 2 Moderato Debole 1 Debole AumentoDimminuizione aumento/diminuzione pericolo in giornata
CIELO COPERTO CON DEBOLI NEVICATE FINO IN PIANURA, MENO PROBABILI SABATO. PERICOLO VALANGHE IN CONTENUTO AUMENTO SU OROBIE, PREALPI E ADAMELLO
 
PREVISIONE
RETICHE E ADAMELLO
PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO IN AUMENTO SU ADAMELLO
PROBLEMA PRINCIPALE
:  strati deboli nella neve vecchia/neve fresca.
Valanghe provocate: in generale possibili distacchi di medie dimensioni solo con forte sovraccarico su alcuni pendii ripidi. Possibile il distacco  di limitati lastroni soffici, superficiali e recenti, con debole sovraccarico.
Valanghe spontanee:  distacco poco probabile, salvo  qualche scaricamento di neve fresca o piccolo lastrone da vento.

OROBIE E PREALPI
PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO
PROBLEMA PRINCIPALE: neve ventata.
Valanghe provocate: possibile il distacco  di limitati lastroni soffici, superficiali e recenti, con debole sovraccarico. Su pochi pendii ripidi estremi possibile il distacco di isolati lastroni di neve vecchia, solo con forte sovraccarico.
Valanghe spontanee: possibili limitati scaricamenti superficiali di neve recente dai pendii più ripidi.

APPROFONDIMENTI METEO e NEVE: cielo coperto con deboli precipitazioni; limite della neve in rialzo da 200 a 700 metri di quota (3-8 cm). Intensificazione dei venti da Sud-Est in tarda serata.  L'andamento termico manterrà inalterate le caratteristiche del manto nevoso.  Esso si presenterà irregolarmente distribuito, con uno strato superficiale recente, che potrà mascherare  dorsali erose, e accumuli maggiori in corrispondenza di conche e avvallamenti. Le situazioni critiche resteranno isolate e rappresentate dalla presenza di vecchi strati deboli, per lo più nei versanti all'ombra in quota, e dall'attività eolica moderata. Deboli nevicate determineranno la formazione e l'incremento di accumuli localizzati.





 
LUOGHI PERICOLOSI PROBLEMA PRINCIPALE
LUOGHI PERICOLOSI LUOGHI PERICOLOSI PROBLEMA PRINCIPALE
oltre 1800 m
 
VENTO A 3000M ZERO TERMICO TEMPERATURE
VENTO ZERO TERMICO TEMPERATURE
20-80 Km/h da Est da 200 a 700 m in aumento
 
Molto Forte 5 Molto Forte Forte 4 Forte Marcato 3 Marcato Moderato 2 Moderato Debole 1 Debole AumentoDimminuizione aumento/diminuzione pericolo in giornata
MOLTO NUVOLOSO O COPERTO, CON RESIDUE NEVICATE, E SCHIARITE NEL POMERIGGIO. PERICOLO VALANGHE STAZIONARIO.
 
PREVISIONE
RETICHE E ADAMELLO
PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO IN AUMENTO SU ADAMELLO
PROBLEMA PRINCIPALE
:  strati deboli nella neve vecchia/neve ventata.
Valanghe provocate: in generale possibili distacchi di medie dimensioni solo con forte sovraccarico su alcuni pendii ripidi. Possibile il distacco  di limitati lastroni soffici, superficiali e recenti, con debole sovraccarico.
Valanghe spontanee:  distacco poco probabile, salvo  qualche scaricamento di neve fresca o piccolo lastrone da vento.

OROBIE E PREALPI
PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO
PROBLEMA PRINCIPALE: neve ventata.
Valanghe provocate: possibile il distacco  di limitati lastroni soffici, superficiali e recenti, con debole sovraccarico. Su pochi pendii ripidi estremi possibile il distacco di isolati lastroni di neve vecchia, solo con forte sovraccarico.
Valanghe spontanee: possibili limitati scaricamenti superficiali di neve recente dai pendii più ripidi.

APPROFONDIMENTI METEO e NEVE: cielo molto nuvoloso con residue deboli nevicate al mattino, limite della neve in rialzo oltre 700 metri,  poi nubi in diminuzione. Vento da moderato a forte da Sud-Est sulle Prealpi.  Le recenti precipitazioni, accompagnate da venti intensi, avranno determinato la formazione di fragili lastroni, di dimensioni limitate, in corrispondenza di conche e avvallamenti  oltre all'erosione delle dorsali esposte.  Permarranno le situazioni critiche, rappresentate dalla presenza di vecchi strati deboli, per lo più nei versanti all'ombra in quota. 





 
LUOGHI PERICOLOSI PROBLEMA PRINCIPALE
LUOGHI PERICOLOSI LUOGHI PERICOLOSI PROBLEMA PRINCIPALE
oltre 1500 m
 
VENTO A 3000M ZERO TERMICO TEMPERATURE
VENTO ZERO TERMICO TEMPERATURE
30-80 Km/h SE 1000-1700 m in aumento