ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home / Dati e Indicatori / Siti potenzialmente contaminati
Home / Dati e Indicatori / Siti potenzialmente contaminati

Siti potenzialmente contaminati

TEMA AMBIENTALE

Suolo

 

Siti contaminati

ANNO DI RIFERIMENTO

2018

DEFINIZIONE

L'indicatore rappresenta il numero di siti nei quali uno o più valori di concentrazione delle sostanze inquinanti rilevati nel suolo o nelle acque sotterranee risultano superiori ai rispettivi valori di concentrazione soglia di contaminazione (CSC) stabiliti dalla norma

UNITA' DI MISURA

numero

DEFINIZIONE DPSIR

STATO

FONTE

ARPA Lombardia

SCOPO INDICATORE E SUA RILEVANZA

L'indicatore rappresenta numericamente i siti "potenzialmente contaminati" ai sensi della definizione riportata dall'art.240 c.1 del D.lgs 152/06. Si tratta di una condizione in cui si trova il sito temporaneamente, in attesa che vengano effettuate le successive operazioni previste dalla norma (caratterizzazione, analisi di rischio sito specifica) che permettono di stabilire se sussista o meno uno stato di contaminazione del sito. Si tratta comunque di un'informazione rilevante nell'ambito del procedimento di bonifica in quanto il riscontro del superamento delle CSC (concentrazione soglia di contaminazione), anche per un solo parametro, comporta l'attivazione di una serie di adempimenti da parte del soggetto responsabile (comunicazione agli Enti e relativa descrizione delle misure di prevenzione e di messa in sicurezza di emergenza adottate, presentazione del piano della caratterizzazione). Si evidenzia che i dati sono stati estratti dalla banca dati di ARPA Lombardia, considerando il suo stato attuale di aggiornamento e il relativo grado di popolamento.

ANALISI DEL DATO

Le elaborazioni fanno riferimento ai dati estratti al 31/7/2018, data di pubblicazione da parte di Regione Lombardia dell'aggiornamento dell'elenco dei siti contaminati. Il maggior numero di siti che si trovano in questa situazione di potenziale contaminazione sono ubicati in Provincia di Milano (oltre 400) e a seguire, in misura minore, nel territorio di Brescia, Pavia, Bergamo e Varese, ovvero nei territori che storicamente hanno presentato una maggiore distribuzione di attività industriali e artigianali.

Numero di siti potenzialmente contaminati suddivisi per provincia - 31/7/2018

Fonte: ARPA Lombardia
Copertura: Provincia

Potrebbe anche interessarti

 

​​​​​​​​​​

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube