ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Home / Dati e Indicatori / Tipologia di contaminanti per matrice ambientale
Home / Dati e Indicatori / Tipologia di contaminanti per matrice ambientale

Tipologia di contaminanti per matrice ambientale

TEMA AMBIENTALE

Suolo

 

Siti contaminati

ANNO DI RIFERIMENTO

2018

DEFINIZIONE

L’indicatore evidenzia, in termini percentuali, i siti contaminati in cui sono stati riscontrati i contaminanti, raggruppati secondo le principali famiglie, e valutati distintamente per le matrici terreno e acque sotterranee.

UNITA' DI MISURA

% (percentuale)

DEFINIZIONE DPSIR

STATO

FONTE

ARPA Lombardia

SCOPO INDICATORE E SUA RILEVANZA

L’indicatore fornisce informazioni sull'incidenza percentuale delle diverse famiglie di sostanze che hanno generato uno stato di contaminazione nei siti. L'elaborazione è stata fatta con riferimento ai dati presenti in banca dati ARPA, considerando il suo stato attuale di aggiornamento e il relativo grado di popolamento.

ANALISI DEL DATO

Le elaborazioni fanno riferimento ai dati estratti al 31/7/2018, data di pubblicazione da parte di Regione Lombardia dell'aggiornamento dell'elenco dei siti contaminati. Si rileva che gli inquinanti riscontrati con maggior frequenza sono idrocarburi e metalli per la matrice terreno e metalli, alifatici clorurati cancerogeni e organici aromatici per la matrice acque sotterranee. Si evidenzia che la preminente contaminazione da idrocarburi e da metalli nei suoli è ascrivibile alla presenza sul territorio di attività connesse allo stoccaggio/all'adduzione di carburanti e ad attività del settore della lavorazione dei metalli. Si tratta, nel primo caso, di un numeroc rilevante di siti, in genere di piccole dimensioni, sui quali la contaminazione è ascrivibile a rilasci accidentali di sostanze contaminanti. La rilevante frequenza di contaminazione da metalli nei suoli è invece riconducibile alla diffusione, soprattutto in anni passati, di attività relative alla loro lavorazione. Per quanto attiene alla matrice acque sotterranee, il relativo quadro di contaminazione è per lo più ricollegabile alle sostanze di più ampia diffusione nell'attività manifatturiera. La specifica e diversa incidenza delle sostanze in acqua deriva inoltre dal loro grado di solubilità e degradabilità. Relativamente alle tecnologie di bonifica applicate per rimuovere la contaminazione è da rilevare che per quanto riguarda i terreni la rimozione con successivo smaltimento è la tecnica ancora prevalentemente impiegata; per le acque sotterranee è tuttora elevato l'impiego di tecnologie pump and treat. E' da sottolineare che allo stato attuale sono in corso applicazioni, in alcuni casi anche di tipo sperimentale, di tecnologie di bonifica innovative. A questo riguardo si segnala che la pianficazione regionale (PRB - Piano Regionale di Bonifica 2014-2020) stabilisce specifiche azioni finalizzate a promuovere una maggiore sostenibilità ambientale delle tecniche di bonifica riducendo il ricorso a modalità di scavo e smaltimento in discarica in favore di tecnologie che permettano il trattamento in sito delle matrici contaminate.

Distribuzione percentuale dei contaminanti, aggregati secondo le principali famiglie presenti nella matrice terreno dei siti contaminati e riscontrati in concentrazioni superiori ai limiti di legge - 31/7/2018

Fonte: ARPA Lombardia
Copertura: Provincia

Distribuzione percentuale dei contaminanti, aggregati secondo le principali famiglie presenti nelle acque sotterranee dei siti contaminati e riscontrati in concentrazioni superiori ai limiti di legge - 31/7/2018

Fonte:
Copertura: Provincia

Potrebbe anche interessarti

 

​​​​​​​​​​

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube