ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Neve, Valanghe e Ghiacciai


Bollettino neve e valanghe

Il bollettino neve e valanghe viene emesso dal Centro Nivometeorologico di ARPA Lombardia nella sede di Bormio (SO).

Con la NOTA, emessa all’occorrenza tra maggio e novembre, ARPA intende mantenere i contatti con gli escursionisti per informarli sul verificarsi di nevicate e attività valanghiva. Chi percorre itinerari innevati deve avere i DPI (ARTVA, pala e sonda) come d’inverno: gli incidenti in valanga avvengono anche in piena estate!


venerdì 12.06
TEMPO GENERALMENTE STABILE CON QUALCHE ROVESCIO. NEVE FRESCA ABBONDANTE IN QUOTA. DIFFUSI ACCUMULI NELLE ZONE SOTTOVENTO. POSSIBILI DISTACCHI DI VALANGHE DI GRANDI DIMENSIONI.


SCALA EUROPEA DEL PERICOLO VALANGHE:

1 - DEBOLE

2 - MODERATO

3 - MARCATO

4 - FORTE

5 - MOLTO FORTE

NON VALUTABILE

NEVE NON PRESENTE


LUOGHI PERICOLOSI SITUAZIONE TIPICA VENTO A 3000M ZERO TERMICO TEMPERATURE
LUOGHI PERICOLOSI
tutti i versanti
LUOGHI PERICOLOSI
2500-2700 m
PROBLEMA PRINCIPALE
Neve ventata
VENTO
15-20 km/h da Sud poi 20-40 km/h da Nord
3200-3500 m
TEMPERATURE
in aumento le massime


SITUAZIONE
SITUAZIONE METEOROLOGICA:
Un leggero aumento della pressione determinerà condizioni di tempo generalmente stabile per il fine settimana.
Sabato: nel tardo pomeriggio si potrà verificare qualche rovescio o temporale. Venti deboli meridionali
Domenica: poco nuvoloso con qualche isolato rovescio più probabile sulle Prealpi orientali. 
Lo zero termico oscillerà intorno ai 3200 e 3500 metri.
Le temperature saranno stazionarie o in leggero aumento le massime.
Venti moderati settentrionali. Non si esclude la possibilità di foehn nei fondovalle.

SITUAZIONE NIVOLOGICA:
Le precipitazioni nevose dall'inizio settimana, hanno dato significativi apporti oltre i 2600-2800 metri di quota con valori variabili da 40 a 70 cm; il limite della neve ha raggiunto localmente i 2000-2200 metri. In quota le precipitazioni sono state accompagnate da un'attività eolica moderata, che ha distribuito la neve in modo irregolare, andando a formare nelle zone sottovento significativi accumuli, poggianti su altri e recenti depositi di neve non ancora consolidata.
Il manto nevoso è in fase di rapido assestamento e consolidamento, ma comunque rimane una marcata instabilità che andrà ad attenuarsi gradualmente.
Il pericolo di valanghe di neve asciutta, è elevato in quota, specialmente sui pendii esposti a nord ove sono possibili valanghe spontanee, localmente anche di grandi dimensioni; queste possono essere staccate anche con debole sovraccarico.
Nei prossimi giorni, si formeranno croste da rigelo superficiali che andranno a stabilizzare gradualmente il manto nevoso; durante le ore calde della giornata, per perdita di coesione, saranno comunque possibili scaricamenti e valanghe di neve umida o bagnata.

FINO ALLA PROSSIMA STAGIONE INVERNALE, LA PRESENTE NOTA INFORMATIVA VERRA' EMESSA SOLO A SEGUITO DI EVENTI NIVO-METEOROLOGICI SIGNIFICATIVI.

Notizie Neve, Valanghe e Glaciologia

LINK UTILI

LINK ai siti italiani

 

Associazione Interregionale Neve e Valanghe
www.aineva.it

Regione Autonoma Valle d’Aosta
www.regione.vda.it

Regione Piemonte
www.arpa.piemonte.it

Provincia Autonoma di Trento
www.provincia.tn.it/meteo

Provincia Autonoma di Bolzano
www.provincia.bz.it/valanghe

Regione del Veneto
www.arpa.veneto.it

Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia
www.regione.fvg.it/asp/valanghe/welcome.asp

Regione Marche
www.protezionecivile.regione.marche.it

Corpo Forestale dello Stato – Servizio Meteomont
www.meteomont.gov.it/infoMeteo/

​​ ​​

LINK ai siti stranieri

Istituto Federale per lo Studio della Neve e delle Valanghe di Davos
www.slf.ch

European Avalance Service
www.avalanches.org

Aiutaci a migliorare questa pagina
 

Le informazioni fornite sono chiare ed esaustive?

 
 
twitter youtube