L'utilizzo di cookie di terze parti, comunque responsabili del trattamento, consente di attivare l'incorporamento di elementi necessari al funzionamento del social network Twitter e dell'interprete di dati geografici OpenStreetMap. Prima di proseguire la navigazione scegli quali accettare dei suddetti Cookie per attivare il relativo elemento, oppure clicca su "Chiudi e rifiuta tutto".

Salta al contenuto principale
800.061.160

Imprese (AIA-RIR)

Si riporta l'ultima analisi disponibile.

Controlli 2014-2021

In Italia sono presenti oltre 6.000 installazioni autorizzate AIA (circa 6.000 di cui all'Allegato VIII (dette AIA regionali) e circa 150 di cui all'Allegato XII (dette AIA nazionali) della Parte Seconda del D.Lgs. 152/2006), oltre il 29% delle quali collocate in Lombardia. Delle 1838 installazioni in possesso dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (aggiornamento settembre 2020) registrate in Lombardia:

  • il 44% riconducibile alle “attività industriali” (categorie IPPC 1, 2, 3, 4, 6 ad eccezione dei codici 6.6a, 6.6b e 6.6c)
  • il 16% alla “gestione rifiuti” (categoria IPPC 5)
  • il 40% alle “attività zootecniche” (codici IPPC 6.6a, 6.6b e 6.6c).

La Lombardia è la regione italiana con il più alto numero di aziende a rischio di incidente rilevante (RIR) e con i suoi 254 stabilimenti rappresenta circa il 25,9% del totale nazionale.

Le province con la più alta presenza di aziende RIR sono Milano (24 %), Brescia (15,7%) e Bergamo (15,4%), seguite da Pavia (7,9%), Varese (7,5%), Monza e Brianza (7,1%) assieme a Lodi (7,1%). Le altre 5 province (Como, Cremona, Lecco, Mantova e Sondrio) rappresentano il restante 15,4% del totale. Su questi stabilimenti viene svolta un’attività di ispezione che ha la finalità di verificare l’adeguatezza del sistema di gestione della sicurezza e della prevenzione degli incidenti rilevanti (SGS-PIR) messo in atto dal Gestore.

L’attività ispettiva viene svolta da funzionari appartenenti a diversi Enti (ARPA e VVF per gli SSI e ARPA VVF e INAIL per SSS) e in possesso dei requisiti previsti al punto 7.2 dell’allegato H al D.Lgs. 105/2015 e deve consentire di effettuare un esame pianificato e sistematico dei sistemi tecnici, organizzativi e di gestione attraverso verifiche della conformità del SGS ai contenuti richiesti dall’allegato B del D.lgs. 105/2015 e alla verifica dell’adozione da parte del Gestore delle misure e dei mezzi per la prevenzione degli incidenti rilevanti e per la limitazione delle loro conseguenze.

Attraverso l’attività di controllo vengono individuati eventuali punti critici del SGS-PIR e le relative misure correttive e migliorative (le cosiddette prescrizioni e raccomandazioni) che è necessario adottare per rendere il SGS più efficace alla prevenzione del rischio di incidente rilevante.

Nel 2021 sono state programmate 40 ispezioni SGS-PIR in aziende RIR suddivise in 19 ispezioni in stabilimenti di soglia inferiore (SSI) e 21 in stabilimenti di soglia superiore (SSS). Rispetto all’anno precedente, in cui erano state programmate 54 ispezioni, si è quindi registrato una diminuzione del -25,9%.

Data ultimo aggiornamento: 01/03/2023

Data ultimo aggiornamento
01/03/2023

Data inserimento: 05/05/2023

Data inserimento
05/05/2023

Struttura responsabile del contenuto informativo: Autorizzazioni e controlli

Struttura responsabile del contenuto informativo
Autorizzazioni e controlli

Struttura responsabile della pubblicazione: Comunicazione

Struttura responsabile della pubblicazione
Comunicazione